Tributi comunali anni 2014 e 2015

Ultima modifica 29 agosto 2018

Nel 2014 è entrata in vigore la IUC (Imposta Unica Comunale), in vigore anche per il 2015. In realtà questo tributo è un “contenitore” di tre prelievi fiscali differenti: la TASI, la TARI e l'IMU.
L'acconto deve essere versato sulla base delle aliquote deliberate per l'anno 2014; nel saldo di dicembre si procederà anche all'eventuale conguaglio sulla base delle aliquote deliberate per il 2015.

1. TASSA PER  I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)
Le scadenze per i pagamenti sono:
- ACCONTO ENTRO IL 16 GIUGNO 2015
- SALDO ENTRO IL 16 DICEMBRE 2015

 

Le aliquote TASI 2014, confermate per il 2015:
- Abitazione principale (escluso categorie catastali A1, A8 e A9 e relative pertinenze (una per ogni categoria catastale: C2, C6, C7): 2,95 per mille (con detrazione di 60 euro) - CODICE TRIBUTO 3958
Fabbricati "merce": 2,5 per mille (senza detrazioni) - CODICE TRIBUTO 3961

 

Attenzione! Chi è proprietario solo dell'abitazione principale e delle relative pertinenze (una per ogni categoria catastale) dovrà pagare soltanto la TASI.

Per calcolare l'imposta
La base imponibile per il calcolo della TASI è il valore catastale dell'immobile rivalutato del 60%. Quindi:

BASE IMPONIBILE = rendita catastale x 105 + 60%

La detrazione di 60 euro si applica all'immobile e deve essere suddivisa in parti uguali per i comproprietari indipendentemente dalla quota di possesso.

Per calcolare la TASI in modo più immediato è disponibile il Calcolo on line oppure rivolgersi a Spazio Città previo appuntamento da fissare presentandosi presso gli sportelli o telefonando ai numeri 039.66.59.220/222 oppure al numero verde 800.012.503.

2. TASSA SUI RIFIUTI (TARI)
Le scadenze sono determinate con un apposito regolamento approvato insieme al Bilancio di previsione 2015. L'importo da versare è comunicato ai contribuenti tramite invio del bollettino postale.

 

Anno 2015
- Tariffe e coefficienti di calcolo per utenze domestiche
- Tariffe e coefficienti di calcolo per utenze non domestiche
Anno 2014
- Le tariffe
- Il regolamento
- La delibera

3. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU)
Continuano ad applicarsi le norme già in vigore. Si paga sui fabbricati, sulle aree fabbricabili e sui terreni agricoli. Non si paga sulle abitazioni principali a meno che queste non siano classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.
Le aliquote per l'anno 2015 non sono state modificate rispetto a quelle del 2014.
Per calcolare l'IMU in modo più immediato è disponibile il Calcolo on line oppure rivolgersi a Spazio Città previo appuntamento da fissare presentandosi presso gli sportelli o telefonando ai numeri 039.66.59.220/222 oppure al numero verde 800.012.503.

Le aliquote IMU 2014, confermate per il 2015
9,95 per mille - immobili identificati con la categoria catastale C1 (negozi e botteghe).
9,95 per mille - immobili che risultano affittati ad uso abitativo con contratto regolarmente registrato
9,5 per mille - abitazione affittate a canone agevolato
9,5 per mille - immobili adibiti ad abitazione principale e pertinenze concessi in uso gratuito a parenti in linea retta di primo grado a condizione che vi siano residenti.
10,6 per mille - aliquota base per tutti gli altri immobili, compresi quelli a uso produttivo classificati nel gruppo catastale D.

Attenzione: per gli immobili sui quali si deve pagare l'IMU non è dovuta la TASI

L'IMU non è dovuta per:
A) abitazioni principali e relative pertinenze, a meno che queste non siano classificate nelle categorie A/1, A/8, A/9
Per le abitazioni principali e pertinenze ricomprese nella categoria A/1, A/8, A/9 l'aliquota IMU è pari al 5 per mille, con una detrazione di euro 200.

B) unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal D.M 22/4/2008.

Per calcolare l'imposta
La base imponibile per il calcolo dell'IMU è il valore catastale dell'immobile rivalutato del 60%. Quindi:

BASE IMPONIBILE = rendita catastale x 105 + 60%

La detrazione di 200 euro si applica all'abitazione principale e deve essere suddivisa in parti uguali per i comproprietari indipendentemente dalla quota di possesso.


ADDIZIONALE IRE-IRPEF

ANNO 2014 - Le misure applicate per l'addizionale Irpef sono invariate. Le aliquote che si applicano sono identiche a quelle stabilite nel 2012

Scaglioni di reddito/Aliquota in percentuale
- fino a 13.000 euro: esente
- da 0 e fino a 15.000 euro*: 0,67%
- oltre 15.001 e fino a 28.000 euro: 0,70%
- oltre 28.001 e fino a 55.000 euro: 0,75%
- oltre 55.001 e fino a 75.000 euro: 0,78%
- oltre i 75.001 euro: 0,80%
*Per chi supera la soglia dei 13.000 euro l'aliquota è calcolata su tutti il reddito e NON sulla differenza tra il reddito decurato dei 13.000.


ICP - IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA'

L'imposta comunale sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da quelle assoggettate al diritto sulle pubbliche affissioni, in luoghi pubblici o aperti al pubblico o da tali luoghi percepibile.
Regolamento per la pubblicità e le affissioni
Delibera della Giunta Comunale n. 142 del 22 luglio 2014
Tariffe in vigore