Sicurezza

Ultima modifica 1 dicembre 2021

 

SEGGIOLINI ANTIABBANDONO
Dal 6 marzo 2020 scatta l’obbligo
A partire dal 6 marzo 2020 è obbligatorio l'utilizzo dei dispositivi antiabbandono, o di seggiolini che ne sono già dotati, per il trasporto in auto dei bambini di età inferiore ai quattro anni (pena una multa di 81 euro e il taglio di 5 punti dalla patente).
I cittadini possono accedere al bonus statale di 30 euro per l'acquisto di seggiolini nuovi e dispositivi antiabbandono, che potrà essere utilizzato anche come rimborso fino a esaurimento dei fondi statali: il contributo può essere richiesto per un unico dispositivo.
Per la richiesta è necessario registrarsi sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti a partire dal 20 febbraio 2020: Bonus Seggiolino Anti Abbandono


FURTO DELL'AUTOMOBILE
Di seguito elenchiamo alcuni consigli utili per prevenire il furto dell'auto:
- dotare la macchina di antifurti ( non necessariamente il più costoso, a volte bastano due antifurti per scoraggiare l’eventuale malfattore) e che siano visibili all'esterno;
- parcheggiare in un luogo frequentato e, se di sera, in un luogo ben illuminato;
- in caso di brevi fermate non lasciare le chiavi attaccate al quadro o addirittura le chiavi inserite con il motore acceso;
- non lasciare documenti a bordo del veicolo in quanto in caso di furto ci potranno servire per avere tutti gli estremi per effettuare la denuncia;
- non lasciare sull'auto le chiavi (soprattutto della nostra abitazione) in quanto sulla carta di circolazione è indicato l'indirizzo di residenza;
- evitare di lasciare a vista bagagli, borse, scatole. In caso riporli nel portabagagli;
- inserire sempre il bloccasterzo della vettura;
- in caso di riparazioni del veicolo servitevi di officine di fiducia;
- verificare sempre l'effettiva chiusura delle portiere, del portellone, dei finestrini e dell'eventuale tetto apribile;
- se in possesso di una vettura di valore, in caso di piccolo tamponamento fate bene attenzione, potrebbe trattarsi di uno tentativo di furto mentre verificate i danni e, se siete in zona isolata, spostatevi lentamente nei pressi di un’area di servizio, di un locale pubblico o almeno di una abitazione.

 

In caso si verifichi il furto ecco cosa fare:
Avvisare immediatamente via telefono il 113, 112 oppure la Centrale Operativa del Comando di Polizia Locale ove il fatto è avvenuto segnalando marca, modello, colore e targa del veicolo rubato.
La tempestività nell'informare le forze di Polizia è determinante per ritrovare il veicolo.
I dati di identificazione del veicolo comunicati verranno immediatamente inseriti nella banca dati interforze (è possibile anche senza aver sporto formalmente la denuncia di furto).
Presentare, il prima possibile, denuncia alla competente autorità.
Nella denuncia verranno inseriti i dati del veicolo: marca, modello, serie, anno di immatricolazione, colore, targa, telaio, numero della chiave di accensione, marca ed numero di serie dell' antifurto e il un recapito telefonico.

 


MINORI SCOMPARSI

116000 - NUMERO TELEFONICO PER MINORI SCOMPARSI
Attivo 24 ore su 24 ore su tutto il territorio nazionale
www.116-000.it

Il numero è attivo su tutto il territorio nazionale 24 ore su 24, sette giorni su sette con i compiti di rispondere alle segnalazioni di scomparsa e comunicarle alle forze di Polizia, offrendo consigli e sostegno alle persone responsabili del minore e contribuendo alle indagini.

Il 25 maggio 2009 il Ministero degli Interno ha sottoscritto con “S.O.S. Il Telefono Azzurro onlus”
un protocollo d’intesa per l’attivazione di una linea telefonica diretta per i minori scomparsi.
Questa iniziativa è stata intrapresa quale adempimento alle decisioni della Commissione Europea,
la quale ha voluto assicurare un servizio al cittadino dell’Unione che, in caso di scomparsa di un minore, componendo questo numero, avrà accesso al medesimo servizio indipendentemente dallo stato in cui si trova.

Il numero 116000 è attivo su tutto il territorio nazionale 24 ore su 24, sette giorni su sette con i compiti di rispondere alle segnalazioni di scomparsa e comunicarle alle forze di Polizia, offrendo consigli e sostegno alle persone responsabili del minore e contribuendo alle indagini.


SICUREZZA INFORMATICA
Alcuni accorgimenti utili nel campo dell'informatica e dei innumerevoli dispositivi a disposizione dei cittadini:

 

La tecnologia Bluetooth
Il Bluetooth è una tecnologia che permette a dispositivi diversi quali possono essere cellulari, palmari computer portatili, stampanti ecc. di dialogare tra loro, senza che questi siano collegati da un cavo. La specifica Bluetooth funziona solo ed esclusivamente attraverso delle radiofrequenze a corto raggio.
Quando si utilizza questo dispositivo di trasmissione dei dati sarebbe opportuno mettere in campo alcuni accorgimenti:
- verificare sempre l'affidabilità fonte quando si scaricano dall'internet nuovi software con il vostro cellulare o computer palmare dotato di tecnologia Bluetooth;
- ricordarsi di disattivare Bluetooth dopo averlo utilizzato e se ciò non è possibile almeno impostare il dispositivo con connessione in modalità "nascosta". Questa precauzione garantisce almeno un livello minimo di sicurezza poiché allunga i tempi di un'eventuale aggressione;
- cambiare sempre il nome identificativo del cellulare: molte persone tendono a mantenere il nome identificativo del cellulare impostato dal costruttore, normalmente è il nome del modello dell'apparecchio. Questa semplice informazione può consentire a un aggressore di associare a un apparato delle vulnerabilità note, che possono quindi essere sfruttate;
- aggiornare sempre eventuali software di sicurezza e antivirus: per poter contrastare con efficacia degli attacchi. Tutti i software di sicurezza devono sempre essere aggiornati;
- prestare attenzione alla scelta dei codici PIN per associare i dispositivi: troppo spesso vengono utilizzati i codici forniti dal produttore o, peggio ancora, vengono usate informazioni a cui un aggressore può facilmente risalire (ad esempio la propria data di nascita).

 

La password
La scelta di una password deve essere effettuata con molta accuratezza poiché rappresenta la nostra chiave di accesso e la garanzia per mantenere riservate le informazioni che ci interessano. Questo discorso vale per la scelta della password di accesso al Bios (programma del computer che carica il sistema operativo nella RAM e segnala lo stato di tutte le periferiche), così come per quella relativa ai servizi di posta o commercio elettronico.
A questo proposito, sarà bene tenere presente alcune avvertenze:
- evitare di scegliere nomi di congiunti e relative date di nascita, poiché sono abitualmente utilizzate per forzare la protezione da parte di chi vi conosce;
- utilizzare per le password nomi di fantasia non presenti in dizionari italiani e stranieri, in quanto è possibile utilizzare tali dizionari in forma elettronica per violare un sistema protetto, utilizzando programmi adatti;
- scegliere una combinazione di caratteri alfanumerici, vale a dire lettere e numeri, che creino una sigla facilmente memorizzabile per l'utente;
- memorizzare la password, evitando di scriverla, è una garanzia per mantenerne l'integrità;
- il frequente cambio password si può applicare a tutti i login di cui è possibile modificare la password di accesso.

Una corretta informazione permette di utilizzare in modo adeguato e responsabile l'internet e rendere più sicura la navigazione.
Con l'internet si possono visitare milioni di siti diversi dove cercare informazioni, vedere filmati, ascoltare musica, entrare in contatto con persone in tutto il mondo. Ma esistono anche dei rischi.
L’utilizzo di internet richiede consapevolezza e attenzione, perché può riservare anche sorprese spiacevoli. E' allora fondamentale non perdere mai l'orientamento, per evitare che si intromettano persone o soggetti che vogliono intromettersi nella vita privata o che non hanno buone intenzioni.
Per navigare sicuri, è utile seguire questi semplici consigli.

Per i ragazzi:
- non dare mai informazioni su te stesso o la tua famiglia senza chiedere prima il permesso ai tuoi genitori;
- stai attento agli sconosciuti incontrati in rete: non tutte le persone che incontri sono sempre ciò che dicono di essere;
- se ti arriva un messaggio che ti mette a disagio o, navigando, trovi qualcosa che ti causa imbarazzo o turbamento, non rispondere: annota il sito, lascialo subito e dillo ai tuoi genitori;
- non accettare mai di incontrare una persona conosciuta in rete;
- non accettare nulla che ti arrivi via internet da persone che non conosci o di cui non ti fidi;
- non dare mai la parola-chiave (password) a nessuno e non fidarti di chi dice di essere addetto ai servizi di Internet;
- informa sempre i tuoi genitori di quello che fai e vedi in Internet e non dare mai ascolto a chi ti chiede di mantenere un segreto.

Per le famiglie:
- scoprite e utilizzate l'internet insieme ai vostri ragazzi, per conoscere insieme a loro la rete e per creare una base di fiducia e confidenza;
- cercate di posizionare il computer in un ambiente condiviso e comunque "in vista" della casa, per poterne sorvegliare l'uso da parte dei ragazzi senza far loro pesare il controllo;
- stabilite regole e limiti chiari per l'utilizzo dell'internet;
- non consentite mai ai ragazzi l'utilizzo di carte di credito durante la navigazione;
- per tutelare i ragazzi che utilizzano l'internet, e allo stesso tempo garantire il loro diritto all'informazione, è possibile utilizzare alcuni programmi-filtro in grado di selezionare le pagine web e bloccare quelle non adatte ai minori.
 

Anche il personal computer può ammalarsi
I virus informatici sono dei programmi in grado di installarsi autonomamente all’interno del computer provocando danni più o meno pericolosi. A differenza degli altri, hanno però la facoltà di autoreplicarsi, di creare cioè delle copie di se stessi e, proprio come accade per i corrispondenti virus microbiologici, di infettare l’organismo che li ospita e chi ne viene a contatto.
Come si diffondono? Il contagio può avvenire tramite supporti esterni e con la posta elettronica, senza dubbio il veicolo preferito. Attenzione, quindi, soprattutto agli allegati che vengono diffusi via e mail e ai file che arrivano da sconosciuti durante collegamenti alle chat e ai sistemi di messaggistica istantanea.
Non si deve pensare ai virus come a un male che prima o poi inevitabilmente coglierà tutti i possessori di un pc e soprattutto, non facciamoci prendere dal panico se dovessimo ricevere una "visita inaspettata". Proteggersi dai virus si può, basta prendere qualche precauzione.

Ecco qualche semplice consiglio per evitare il contagio:
- Installate sul vostro pc un programma antivirus e ricordatevi di aggiornarlo periodicamente non aprire allegati in cui il mittente è sconosciuto o in cui non compare l'oggetto non aprite mai allegati di tipo .vbs, .shs, .pif, .bat anche se il mittente del messaggio è conosciuto evitate di aprire allegati con una estensione .exe, se non sapete esattamente di cosa si tratta eliminate immediatamente i file sospetti. Ricordate che i semplici messaggi di posta elettronica, senza allegati, non sono mai veicolo di virus.

I virus più diffusi sono:
Virus di Macro
Sono i virus più semplici da realizzare e proprio per questo i più diffusi. Usano come veicolo le macro, quelle funzioni cioè presenti in programmi come Word o Excel che permettono di registrare una sequenza di operazioni desiderate evitandone la ripetizione. Il virus si nasconde nelle macro di un documento e si avvia non appena questo viene aperto. Il virus si replicherà automaticamente all’apertura di successivi documenti all’insaputa dell’utente. E’ in grado di cancellare i file, di rinominarli e di modificarne il contenuto.
Grado di pericolosità: **

Virus di avvio (o Bootsector)
Si installano nella zona di avvio del disco rigido (il Bootsector). Si attivano all’avvio del computer e si riproducono nei programmi. A differenza degli altri, che si trasmettono via Internet, questi virus si contraggono principalmente con lo scambio di file con periferiche esterne. I danni possono essere di varia natura: dalla semplice comparsa di messaggi strambi sullo schermo, alla paralisi dell’applicazione, fino ad arrivare alla alle più nefaste conseguenze come la distruzione dei dati e la cancellazione dei programmi.
Grado di pericolosità: da ** a ****

Virus di file eseguibili
Questi virus viaggiano tra i programmi installati nel pc sostituendosi al software sano e avviandosi al suo posto. Dopo aver concluso la sua missione distruttrice, passano ad un altro programma, paralizzando via via tutte le applicazioni presenti nel pc malcapitato .
Grado di pericolosità: ****

Virus polimorfi
Sono programmi apparentemente sani che si autoreplicano all’infinito generando cloni sempre diversi e quindi imprevedibili.
Grado di pericolosità: ****

Worm e Cavalli di Troia
Esistono dei programmi che non sono propriamente dei virus, ma possono ugualmente causare danni piuttosto gravi ai nostri computer. Sono i Worm ("vermi") e i Trojan (o Cavalli di Troia), spesso ospiti nefasti dei nostri pc.

Worm
A differenza dei virus informatici, non hanno bisogno di un programma ospite su cui attaccarsi. Di solito non infettano i file ma si moltiplicano all’infinito fino a saturare il sistema paralizzandolo. Per diffondersi, usano il programma di posta Outlook express, si autoinviano a tutti contatti e possono trasportare programmi killer come i trojan horse o i virus informatici.
Grado di pericolosità: da * a ****

Cavalli di Troia (Trojan Horse)
Questi programmi dal nome di mitologica memoria, sono molto insidiosi perché difficilmente intercettabili. Come il cavallo trasportava gli insidiosi Achei dentro le mura della città dei troiani ignari, così il "trojan" si nasconde all’interno di un applicativo innocuo, per poi arrecare danni, anche irreversibili, all’hard disk.
Grado di pericolosità: ****


VADEMECUM PER EVITARE SORPRESE CON BANCOMAT E CARTE DI CREDITO
Carta di credito
Le truffe effettuate attraverso la carta di credito sono in aumento e per lo più quelle effettuate quando la carta di credito non viene materialmente utilizzata cioè attraverso Internet oppure via telefono attraverso l’utilizzazione del numero della carta riprodotto illegalmente.

I consigli più importanti da attuare sono:
- controllate sempre l’estratto conto della carta di credito;
- non perdete mai di vista la persona alla quale è stata consegnata la carta;
- cercate di non distrarvi durante il passaggio della carta (quando viene inserita nella apparecchiatura che legge i codici della medesima);
- verificate che la carta non venga passata due volte;
- trattenete sempre gli scontrini sino all’arrivo dell’estratto conto;
- una volta verificato l’acquisto con l’estratto conto distruggete la ricevuta prima di cestinarla;
- non lasciate mai il numero segreto (codice Pin) insieme alla carta;
- in caso di smarrimento o furto telefonate immediatamente al numero verde per il blocco della carta.

Bancomat
Anche i prelievi effettuati agli sportelli bancomat o allo sportello della banca possono essere rischiosi; pertanto si consiglia di ritirare il denaro e non perdere tempo all’interno del locale o nelle adiacenze dello sportello per il prelievo, evitando di mostrare quanto hai prelevato:
- per le persone anziane sarebbe utile non recarsi da soli ad effettuare operazioni di prelievo in banca o in posta soprattutto durante i giorni di pagamento delle pensioni;
- verificare sempre che nelle adiacenze del bancomat non vi siano persone con atteggiamento sospetto;
- controllare che sullo sportello non siano applicate apparecchiature non saldamente fissate e che la fessura dove si inserisce la carta (bancomat) sia libera e non vi sia la presenza di nastro adesivo oppure di fili (che potrebbero servire per la duplicazione della carta non inficiando il prelievo o l’operazione che si sta eseguendo);
- controllare inoltre che non vi siano dei fori anomali all’interno dello sportello bancomat potrebbero essere un sicuro alloggiamento per telecamere in gradi di registrare il codice segreto digitato;
- in caso emergano delle fondate anomalie sulla manomissione dello sportello, contattare immediatamente le forze di Polizia;
- una volta effettuate le verifiche è molto importante che durante la digitazione del codice segreto vi sia una sorta di scudo che renda molto difficoltosa la visione di quanto digitato oppure impedisca a delle micro-telecamere, eventualmente posizionate, di scorgere il codice segreto;
- effettuata l’operazione, se la carta non dovesse essere restituita, avvisare immediatamente l’istituto di credito proprietario del bancomat;
- in caso di furto o smarrimento del bancomat telefonare subito al numero verde per il blocco della carta e sporgere regolare denuncia. a copia della denuncia sarà poi inviata alla società che ha bloccato la carta in modo tale da permettere l’avvio della pratica per il rilascio di una nuova carta.


FIERE E MERCATI
La confidenza e l’abitudine con cui si frequentano determinati luoghi come le fiere ed i mercati molte volte rischiano di fare dimenticare la prudenza che soprattutto in questi luoghi è doverosa .

 

Ecco alcuni consigli per scoraggiare gli eventuali malfattori:
- non portare mai giacche o indumenti al braccio che contengano soldi o documenti;
- cercare di avere sempre una mano libera;
- accompagnare sempre la borsa che contiene il denaro da un’altra borsa che possa trarre in inganno il malfattore, oppure dividere il denaro in più posti;
- prestare attenzione ai bambini in primo luogo affinché non si perdano, ed in secondo che non vengano utilizzati dal malfattore per distrarre abusando della loro ingenuità;
- non portare mai al seguito tanto denaro;
- non camminare mai con la borsa in spalla o a tracolla posta sulla schiena, deve essere sempre tenuta sott’occhio sulla parte anteriore magari bloccata dal braccio;

 


LUOGHI PUBBLICI E MEZZI PUBBLICI
Ricordiamo sempre che in genere sui mezzi pubblici e nei luoghi pubblici affollati quali supermercati ed ipermercati non è chi più spinge a compiere il furto, ma un suo complice, e che la refurtiva viene passata di mano.
I borseggiatori adottano diverse tecniche basate sulla destrezza, come l’azione a mani libere, l’uso di lamette per tagliare le tasche, gli appoggi quali bastoni, ombrelli e borse quindi è necessario prestare molta attenzione quando si viene urtati con uno di questi oggetti.
Non mettere mai il portafoglio nelle tasche posteriori dei pantaloni.
Prestiamo particolare attenzione alle borse ed ai borselli tenendo separato il denaro dai documenti mettendoli in tasche interne.
Guardiamoci sempre intorno osservando le persone che ci stanno vicino e che viaggiano con noi: potrebbe tornare molto utili nel caso in cui sia necessario riconoscere e identificare un ladro.
In caso di necessità è opportuno rivolgersi al personale di servizio se ci ritrova su di un mezzo pubblico oppure alla security se ci troviamo in un centro commerciale.
E’ importante ricordare che non sempre chi si offre di aiutarci è estraneo al borseggio in quanto è un tipo di reato difficile da evitare se non vengono prese le dovute precauzioni.
Ribadiamo alcuni concetti basilari:
- porta con te solo il denaro strettamente necessario ( ricordati che è sempre meglio utilizzare i servizi di un istituto di credito quale Bancomat, carta di credito, assegno ecc…);
- non tenere il portafogli nella tasca posteriore dei pantaloni o in borse o borselli che si aprono facilmente;
- non farti ingannare dall’aspetto esteriore delle persone, dalla loro gentilezza, se ti chiedono l’ora o di cambiare una banconota, potrebbe essere un pretesto per verificare se hai una buona disponibilità economica o i preziosi che indossi;
- fai molta attenzione quando ti trovi in coda , quando si forma la ressa per salire o scendere dall’autobus, quando sei in un locale stracolmo di persone controlla sempre molto attentamente chi ti spinge.
- oltre che sull’autobus e treni stai allerta anche nei grandi spazi e sui marciapiedi di attesa dei mezzi pubblici, al loro arrivo spinte e pressioni possono sembrare molto naturali e coprendo l’azione del ladro.
- quando viaggi in treno o in autobus, cerca di non addormentarti lasciando borse, giacche, oggetti personali alla portata di tutti soprattutto se il viaggio avviene in tarda serata o addirittura di notte, se utilizzi un vagone letto chiudi sempre molto bene la porta dello scompartimento, non tenente mai i biglietti di andata e di ritorno nel medesimo luogo.
- cerca di non prestarti al trasporto di bagagli di viaggiatori conosciuti occasionalmente in nave, treno, autobus soprattutto se vi sono dei controlli doganali in quanto non potete essere certi di quale sia il contenuto del bagaglio onde evitare poi spiacevoli sorprese.


Tabella dei giochi proibiti